1. Principale
  2. Le mie vacanze
  3. Ispirazioni viaggi
Il blog di viaggio di Chapka

EuroVelo – La rete cicloturistica per percorrere l’Europa in bici

Il cicloturismo

È in forte espansione e non è sorprendente dato che offre diversi vantaggi. La bicicletta è uno dei mezzi di trasporto più sostenibile e salutare che esista. Inoltre, questo tipo di turismo permette di riscoprire aree rurali isolate. Ci sono sempre più piste ciclabili ed è per questo motivo che vogliamo mostrarti questa ottima alternativa all’aereo per scoprire l’Europa. Si chiama EuroVelo.

Cos’è EuroVelo?

EuroVelo è una rete di piste ciclabili a lunga percorrenza che attraversa tutta l’Europa. Questo progetto è stato concepito dall’ ECF (European Cyclists’ Federation) all’inizio del 1995 nella città neerlandese di Amersfoort. Esistono attualmente 16 piste ciclabili che percorrono più di 45.000 chilometri del territorio europeo. Quando la rete sarà totalmente finita, coprirà più di 70.000 chilometri.

EV1 Irlanda. Fonte: www.eurovelo.org

EuroVelo ha per scopo di promuovere l’uso della bicicletta come mezzo di trasporto più ecosostenibile. Inoltre, questo progetto mira anche a spingere i cittadini europei ad utilizzare di più la bicicletta per i loro spostamenti quotidiani come andare a lavoro o a scuola.

EuroVelo può contare sull’appoggio dell’Unione Europea

Infrastruttura della rete

Affinché una pista possa far parte della rete EuroVelo, deve adempiere alle seguenti condizioni:

  • Avere pendenze inferiori al 6%.
  • Disporre di una larghezza sufficiente per consentire il passaggio di almeno due biciclette. La maggioranza delle strade hanno almeno due metri di spazio nelle aree rurali e tre metri in quelle urbane.
  • Avere un traffico inferiore alle 1000 auto al giorno o inesistente.
  • Essere pavimentata per almeno l’80% della sua lunghezza.
  • Avere una segnaletica comune per tutti i paesi.
  • Offrire vitto (ogni 30 chilometri) e alloggio (ogni 50 chilometri) e trasporto pubblico che accetti le biciclette ogni 150 chilometri.
  • Essere aperta tutto l’anno.

La configurazione dell’infrastruttura di EuroVelo ad oggi è la seguente:

  • Strade asfaltate senza traffico: 8%
  • Strade non asfaltate senza traffico: 6%
  • Strade asfaltate con poco traffico: 56%
  • Strade non asfaltate con poco traffico: 3%
  • Strade asfaltate con molto traffico: 14%
EV6 Bulgaria. Fonte: www.eurovelo.org

Gli itinerari ciclistici in Europa

In generale, le piste con un numero pari si trovano sull’asse Est-Ovest e quelle con un numero dispari sull’asse Nord-Est (per questo motivo non ci sono piste 14 e 16).

Per il momento in Italia disponiamo di 2 itinerari che attraversano il nostro paese per scoprire tutta l’Europa (le piste 5 e 7).

Mappa della rete Eurovelo
Fonte: https://fr.wikipedia.org/

Lista completa degli itinerari:

Itinerari Nord– Sud:

EV1 – Itinerario Atlantico del Litorale: Capo Nord – Sagres (9.100 km)
EV3 – Itinerario dei Pellegrini: Trondheim – Santiago di Compostela (5.100 km)
EV 5 – Via Romea Francigena: Londra – Roma e Brindisi (3.300 km)
EV7 – L’itinerario del sole: Capo Nord – Malta (7.409 km)
EV9 – Baltico – Adriatico: Gdansk – Pola (1.930 km)
EV11 – Itinerario dell’Europa Orientale: Capo Nord – Atene (6.925 km)
EV 13 – La strada della cortina di ferro: Mare di Barents – Mare Nero (10.400 km)
EV15– Itinerario del Reno: Andermatt – Rotterdam (1.320 km)
EV17 – Itinerario del Rodano: Andermatt – Mediterraneo (1.072 km)
EV 19 – Itinerario della Mosa: Nascita della Mosa – Rotterdam (1.166 km)

Itinerari Ovest-Est:

EV 2 – Itinerario delle Capitali: Galway – Mosca (5.000 km)
EV 4 – Itinerario dell’Europa Centrale: Roscoff – Kiev (5.073 km)
EV 6 – Atlantico – Mare Nero: Nantes – Costanza (4.632 km)
EV 8 – Itinerario del Mediterraneo: Cádiz – Atene e Cipro (7.560 km)

Circuiti:

10 – Itinerario del Mare Baltico – Circuito della Lega anseatica (9.214 km)
12 – l’itinerario del mare del Nord (6.973 km)

La segnaletica

La segnaletica di EuroVelo è indicata con la bandiera dell’Unione Europea, il numero dell’itinerario e il suo nome nella parte inferiore. Questo tipo di segnaletica può essere incluso in quella nazionale già esistente.

Esempio di segnaletica in Germania.
Fonte: www.eurovelo.org/

Come lo abbiamo già accennato il progetto non è del tutto finito. È quindi importante tener conto del fatto che alcuni itinerari indicati sulla mappa non sono ancora terminati. Ti consigliamo di consultare la pagina ufficiale, che contiene tutte le informazioni necessarie. Ad esempio, se consulti uno degli itinerari, vedrai concretamente il colore e quindi lo stato della strada. Qui sotto troverai una tabella con il significato delle linee degli itinerari.

Leggenda piste. Fonte: www.eurovelo.com/

Se andiamo sul sito ufficiale e clicchiamo su una delle sezioni dell’EuroVelo 3 (itinerario dei pellegrini) noteremo che la totalità dell’itinerario selezionato è accessibile, però soltanto una parte ha la denominazione di EuroVelo, dato che tutte le condizioni elencate qui sopra non sono rispettate.

Collegamenti con altri trasporti pubblici

EuroVelo non è stato solo pensato per gli spostamenti in bicicletta ma anche per percorrere l’Europa utilizzando il treno, un altro mezzo di trasporto che ha un impatto minimo sull’ambiente. Gli itinerari EuroVelo sono quindi pensati anche per raggiungere dei collegamenti ferroviari, per percorrere delle piccole o grandi distanze.

Link utili

0 commento

lascia un commento