1. Principale
  2. Le mie vacanze
  3. Consigli per i viaggiatori
Il blog di viaggio di Chapka

Le isole Galapagos riaprono le frontiere dal 1° luglio: una destinazione stupenda!

Il vicepresidente ecuadoriano Otto Sonnenholzner ha annunciato la riapertura delle Isole Galapagos ai viaggiatori a partire dal 1° luglio 2020. Le Galapagos sono delle isole vulcaniche situate a mille chilometri dalle coste ecuadoriane. Ospitano una fauna ed una flora eccezionali, sulla terra e nell’acqua e sono protette dal patrimonio mondiale dell’Unesco. Prima del Covid-19, attraevano ogni anno tra 150 e 250 000 visitatori. Si stima che il 75 % delle entrate delle isole provengano dall’attività turistica.

Cosa vedere alle Galapagos?

Una volta arrivato/a all’aeroporto internazionale Islas de Galapagos sulla piccola isola di Baltra, dovrai pagare una tassa turistica in contanti (100 dollari americani a persona e 50 dollari americani per i bambini di meno di dodici anni). Sì, in Ecuador si paga in US dollari, ed è molto più semplice cosi dato che 1 US$ = 0,90 € circa. In seguito, una navetta marittima (gratuita!) ti porterà sull’isola Santa Cruz.

Isla Santa Cruz

Puerto Isidro Ayora è la città più grande di Santa Cruz (986 km²). In questo luogo troverai banche, alberghi, agenzie di attività turistiche e sportive, noleggiatori di biciclette e di attrezzature per l’immersione subacquea, locali e ristoranti. A Puerto Isidro Ayora c’è anche La Charles Darwin Research Station (CDRS), una stazione di ricerca di biologia che ospita un’ampia collezione di esemplari conservati della fauna e della flora delle Galapagos. Qui, vivono delle tartarughe marine giganti. La più famosa di queste tartarughe, Lonesome George, della specie Chelonoidis abingdonii (oggi estinta) ha finito i suoi anni in questa stazione biologica. Deceduto nel 2012, aveva più di cento anni ed è diventato un emblema per tutte le Galapagos.

Potrai realizzare delle passeggiate stupende partendo da Puerto Isidro Ayora. Ti consigliamo di andare ad osservare le iguane marine a Tortuga Bay e di fare il bagno a Tortuga Laguna.

In seguito, recati a la Playa de los Alemanes, per scoprire le grotte e concederti una passeggiata serena nelle lagune di las Ninfas.

Per finire, fai un giro in barca (con snorkeling o immersione subacquea incluso nel programma) verso l’isola di Santa Fe. C’è un sentiero per un’escursione dedicato alle iguane. Potresti osservare dei leoni marini e degli squali inoffensivi!

Isla Isabela

È l’isola più grande delle Galapagos (4.588km²). Il suo nome venne dato dalla Regina Isabella di Castiglia, che finanziò la spedizione di Cristoforo Colombo. Comprende sei vulcani, di cui il Wolf, che è il punto culminante dell’isola e dell’arcipelago con i suoi 1.710 metri di altitudine.

La città principale è Puerto Villamil. È il punto di partenza di numerose escursioni. Non appena uscito/a dal molo, vai alla baia di Concha de Perla per fare dello snorkeling. Sul cammino che ti ci porta, potrai sicuramente ammirare dei leoni marini che fanno un pisolino.

Dopo, potresti andare alla scoperta della riserva naturale Pozas Salinas, un centro di allevamento di tartarughe giganti.

Più ad est, potrai osservare Mangrove e prendere il cammino verso El Mirador de las Lagrimas (il muro delle lacrime): un muro di pietra costruito da prigionieri, con le mani, senza strumenti, tra 1946 e 1958. Una rivolta dei prigionieri e un ammutinamento concluderanno questo triste episodio della storia ecuadoriana.

Attenzione: secondo le ultime notizie non ci sono bancomat sull’isola.

E le altre isole delle Galapagos sono aperte ai viaggiatori?

L’isola San Cristóbal, l’isola Santiago e l’isola Fernandina sono anch’esse accessibili ai viaggiatori!

Qualche consiglio per approfittare delle Galapagos in maniera più responsabile

  • Rimanere a distanza degli animali (distanziamento sociale obbligatorio!!!)
  • Non toccare gli animali (ovvio).
  • Non sprecare l’acqua potabile.
  • Raccogliere i propri rifiuti.

Assicurazione viaggio obbligatoria

Ricordati che l’assicurazione viaggio è obbligatoria per tutti i viaggiatori che arrivano in Ecuador, e quindi anche per le Galapagos!

Se fai un viaggio che dura meno di tre mesi, scegli il Cap Assistenza. Sarai coperto/a se devi cancellare il viaggio prima della partenza grazie all’opzione annullamento “per ogni motivo documentato”. E se durante il viaggio hai bisogno di assistenza, di rimpatrio, se ti ammali o sei ricoverato/a, sarai coperto/a.

Se invece hai organizzato un viaggio in Sudamerica di più di tre mesi e vuoi fermarti in Ecuador, ti consigliamo il Cap Avventura.

Se desideri ottenere più informazioni sulle nostre assicurazioni, puoi contattare il nostro servizio clienti allo 02 82 94 09 55, o inviare una mail a info@chapkadirect.it.

0 commento

lascia un commento