1. Principale
  2. Il mio giro del mondo
  3. Dosi di ispirazione viaggi
Il blog di viaggio di Chapka

5 consigli per viaggiare rispettando l’ambiente

Stanno emergendo sempre più iniziative ecologiche e cresce la consapevolezza dell’impatto dell’uomo sull’ecosistema… Ma cosa pensare del fatto di viaggiare e dell’impatto del turismo? Lo sapevi che il turismo è responsabile dell’8% delle emissioni di C02 nel mondo? Allora come possiamo continuare a viaggiare per il mondo senza trascurare i propri valori ecologici? Ecco per te 5 consigli per ridurre la tua carbon footprint e far sì che il tuo viaggio lasci un segno positivo.

Scegli dei mezzi di trasporto che riducono la carbon footprint

Aereo, taxi, noleggio scooter o auto…purtroppo quando viaggiamo dobbiamo trovare un modo per spostarci! Quando siamo all’estero, tendiamo ad utilizzare molto di più i mezzi di trasporto più inquinanti e così aumentiamo considerevolmente l’impronta di carbonio. Quindi per proteggere il nostro pianeta, perché non provare lo slow travel?! Viaggiare più lentamente, utilizzare dei mezzi di trasporto più ecologici come la barca a vela o la bicicletta ad esempio. Te lo concediamo diventa più complicato quando hai davanti a te solo poche settimane di viaggio, ma invece è totalmente possibile se effettui un viaggio attorno al mondo!

Devi per forza prendere l’aereo? Delle associazioni come GoodPlanet ti permettono di compensare le emissioni di gas create, piantando degli alberi o sostenendo un’iniziativa ecologica…è una bella idea, no?

Sostituisci le attività che non rispettano l’ambiente con delle attività più green

Hai solo qualche giorno di vacanza e un piccolo budget? La tentazione di fare delle attività sensazionali come il jet-ski, la caduta libera o il quad può essere forte. Purtroppo, questi piccoli piaceri consumano tantissima benzina. Poiché non è ancora stato inventato il quad a pedali, ti consigliamo di scegliere delle attività nella natura: surf, parapendio, bungee jumping, canyoning sono degli sport adrenalinici che hanno un impatto molto più neutro sull’ambiente!

Attenzione, per viaggiare eticamente dovrai togliere dalla tua lista le attività turistiche con animali: tuffarsi in una gabbia tra gli squali, scattare una foto con un cucciolo di tigre, cavalcare un elefante. Scatterai delle belle foto ma devi sapere che spesso gli animali sono drogati, picchiati, rinchiusi in gabbie o semplicemente disturbati mentre sono nel loro stato naturale per il semplice divertimento dei turisti. Scegli piuttosto delle attività dove puoi incontrare gli animali nel loro ambiente naturale: snorkeling, safari nelle riserve naturali o anche un semplice trekking ti permetteranno di vedere degli animali!

Consuma in modo responsabile, anche in viaggio!

È complicato essere ecologico quando ti trovi dall’altra parte del mondo, giusto? La maggior parte dei paesi non fa la raccolta differenziata e fa un uso eccessivo della plastica monouso. Tuttavia, semplici piccoli gesti ti permetteranno di ridurre il tuo impatto: quando sei al ristorante o ordini cibo da strada ti consigliamo di rifiutare sistematicamente le cannucce, i sacchetti di plastica, i doppi tovaglioli di carta, ecc. Cerca di consumare prodotti locali, evitando ad esempio le catene di fast food. Infatti, viaggiare è anche un’occasione per provare la cucina locale!

Stai anche attento agli hotel che battono tutti i record dell’uso singolo (asciugamani, lenzuola, ecc). Per provare ad inquinare il meno possibile chiedi alla reception di non cambiarti gli asciugamani e le lenzuola tutti i giorni e di abbassare un po’ l’aria condizionata se è possibile (così eviterai anche il mal di gola dopo il terzo giorno).

Diventa ecovolontario!

Che ne dici di approfittare del tuo viaggio per donare un po’ del tuo tempo ad un’associazione o ad un’iniziativa locale? Un ottimo modo per viaggiare e scoprire una cultura pur avendo un impatto positivo sul paese! Sia per poche settimane che per diversi mesi, ci sono molti programmi di volontariato. A seconda del tuo tempo, delle tue capacità e delle esigenze dell’associazione, puoi aiutare a costruire una fattoria di permacultura in Madagascar o prenderti cura delle tartarughe in Messico!

Viaggi solo per pochi giorni e non hai tempo di iscriverti a questi programmi? Potrebbero esserci giornate di volontariato organizzate nella zona in cui ti trovi, che dureranno solo poche ore (per pulire le spiagge, ad esempio). Ovviamente, non è un’attività di vacanza molto glamour, ma è un’opportunità per incontrare gente del posto, fare una buona azione e scoprire nuovi posti.

Viaggia… senza lasciare impronte!

Essere in vacanza dall’altra parte del mondo non ti impedisce di mantenere le tue abitudini per rispettare l’ambiente. Ad esempio, durante un’escursione, un bivacco o un picnic in spiaggia: non lasciare NIENTE sul posto! Riparti con le bottiglie di plastica, i fazzoletti e gli imballaggi: la maggior parte dei paesi non fa la raccolta differenziata ed a volte non ha neanche bidoni della spazzatura. Puoi ad esempio tenere con te una piccola busta in attesa di trovare un posto dove buttare tutto. Allo stesso modo, se vedi della plastica lasciata su un sentiero o su una spiaggia, puoi anche raccoglierla… la natura ti ringrazierà!

Essere un viaggiatore responsabile è a portata di mano ed è semplicissimo! Questo non solo permette di avere un impatto positivo sul pianeta ma di poter tornare tra qualche anno ad osservare un paesaggio che non è stato (troppo?) deteriorato!

E tu, quali sono i tuoi consigli per viaggiare in modo più ecologico?

0 commento

lascia un commento