1. Principale
  2. La mia vita da viaggiatore
  3. Cultura di viaggio
Il blog di viaggio di Chapka

Le bevande più tipiche del Messico

Tequila

“Welcome to Tijuana, Tequila, Sexo, Marihuana” cantava Manu Chao, forse perché questa bevanda ha avuto effetti devastanti su molte persone. La tequila è talmente famosa che esistono svariati itinerari turistici e musei incentrati su di essa. Jalisco è lo stato in cui la si produce maggiormente, in considerazione dell’abbondante coltivazione di agave (o manguey), la pianta da cui si estrae la tequila. Con questa bevanda alcolica si realizza uno dei cocktail messicani più rappresentativi: il Margarita.

Mezcal

Bevanda simile alla tequila, ma più forte. Il mezcal si ottiene dalla distillazione del cuore dell’agave. La principale differenza tra tequila e mezcal è il fatto che la tequila si ricava soltanto dall’agave blu, mentre il mezcal può essere prodotto a partire da una cinquantina di manguey differenti. La gradazione alcolica della tequila è dunque del 38%, mentre la distillazione del mezcal può raggiungere il 37%, il 45% e il 50%.

Pozol

Il pozol è una bevanda tradizionale di Chiapas e Tabasco (la regione!). Viene preparato con cacao e mais e quindi servito freddo in una jícara, un recipiente fabbricato con il morro (un frutto locale). Viene consumato in qualunque momento della giornata. Secondo le comunità indigene, questa bevanda possiede anche molte proprietà curative.

Pulque

Questa bevanda preispanica dall’aspetto lattiginoso veniva utilizzata quasi esclusivamente per le offerte agli dei. Il pulque è considerato l’antenato del mezcal e della tequila, essendo anch’esso prodotto a partire dall’agave. Per la sua produzione viene tuttavia impiegato il processo di fermentazione, anziché quello di distillazione. La pianta impiegata è l’agave pulquero, che cresce per 8-15 anni fino ad arrivare a maturazione. Una volta terminato il processo, si estrae un idromele da cui, in seguito a fermentazione, si ottiene il pulque. Si ritiene che il pulque offra molteplici vantaggi, come la protezione della flora intestinale e la riduzione dell’insonnia. Se desideri degustare questa bevanda ancestrale, ti consigliamo di visitare una delle pulquerías dislocate in tutto il Messico.

Horchata

Si tratta di una bevanda a base di riso, latte in polvere, zucchero e latte condensato, che viene servita fredda. Campeche, Yucatán, Veracruz e Tabasco sono le regioni in cui si trova la migliore horchata in commercio. Rientra tra le bevande analcoliche e viene generalmente aromatizzata con spezie, come cannella e vaniglia.

Michelada

La michelada è un’altra bevanda tipicamente messicana, che viene preparata miscelando una birra bionda (tipo Corona) con succo di limone, sale e tabasco o altri condimenti analoghi (naturalmente speziati!). Si tratta di una bevanda molto rinfrescante e, secondo i messicani, perfetta per curare la cruda (i postumi di una sbornia).

Yolixpa

Lo yolixpa è un infuso di origine preispanica. Di colore verde scuro, questo liquore contiene più di 14 erbe, tra cui menta, origano, salvia e timo, oltre all’aguardiente. In nahuatl il termine “yolixpa” significa “medicina del cuore”; si dice infatti che abbia proprietà curative per trattare le malattie respiratorie o il diabete. Esiste persino un festival a Puebla dedicato a questa bevanda.

Le birre messicane

Il Messico è il quinto produttore e il decimo paese consumatore di birra su scala mondiale. La birra messicana viene principalmente venduta in bottiglie di vetro a rendere. I messicani bevono pochissima birra alla spina. Le più famose al mondo sono leggere e si sposano bene con una fettina di limone: si tratta della Sol e della Corona!

0 commento

lascia un commento