1. Principale
  2. La mia vita da viaggiatore
  3. Cultura di viaggio
Il blog di viaggio di Chapka

Come si festeggia Halloween nel mondo?

Eccoci al mese di ottobre : le prime piogge ed i primi freddi, le foglie cadenti, l’inverno dietro l’angolo.

Ma ottobre è anche il mese della spaventosa (e divertente!) festa di Halloween, che ogni anno ci permette di viaggiare e di conoscere le tradizioni ed i costumi dei vari paesi che lo festeggiano il 31 ottobre !

Un pò di storia…

Lo sapevi che in realtà questa festa non è nata negli Stati Uniti d’America ?

Le sue origini sono infatti da ricercare nelle antiche feste popolari pagane che si svolgevano nel mese di ottobre nei paesi celtici come la Scozia e l’Irlanda.

La parola Halloween rappresenta infatti una variante scozzese dal nome completo All Hallows’ Eve che tradotto significa “Notte di tutti gli spiriti sacri”, cioè la vigilia di Ognissanti (in inglese arcaico All Hallows’ Day, moderno All Saints’ Day).

Esistono oggi vari modi di festeggiare Halloween. Ti piacerebbe organizzare un viaggio per scoprire le varie tradizioni ed i diversi modi di festeggiarlo ?

Irlanda : dove tutto è iniziato

Che ne dici di passare il 31 ottobre in Irlanda, dove la festa è nata ed è ovviamente molto sentita.

Qui si festeggia secondo le antiche tradizioni celtiche e troverai festival a tema, falò accesi un pò ovunque, costumi e gastronomia.

La cena tipica di Halloween è a base di patate bollite, cavoli e cipolle crude.

Inoltre, delle monete vengono di solito avvolte in carta da forno ed inserite tra la patate, in modo che i bambini possano divertirsi a ritrovarle.

La cena si conclude con il dolce tipico di Halloween : “barnbrack”, un tipo di pane ai frutti. Se avrai fortuna, potrai trovarci un anello che è contenuto in ogni dolce e che è simbolo di amore e felicità.

Potrai anche trovare un pò ovunque le zucche illuminate con una candela al loro interno e scoprire la tradizione della foglia di edera da mettere dentro una tazza di acqua per una notte intera.

Cina : una festa all’insegna del ricordo dei defunti

Se queste tradizioni non sono abbastanza « particolari », che ne dici di organizzare un viaggio in Cina per scoprire come si festeggia Halloween ?

Un tempo questa festa era considerata come qualcosa di sconosciuto ed estraneo, ma oggi i cinesi hanno pienamente aderito allo spirito della festività e organizzano feste a tema gotico, serate con costumi tipici.

Una delle tradizioni più diffuse è la Teng Chieh : accanto alle foto di amici e parenti scomparsi, si lasciano cibo ed acqua da dedicare agli spiriti dei morti, in modo che possano trovare la loro strada verso casa.

Per l’occasione, si costruiscono anche delle imbarcazioni di carta da bruciare nella notte nei templi buddisti.

Messico : una festa « mortale »

Il paese dove Halloween è più sentito è sicuramente il Messico.

Il loro Día de los Muertos (“Giorno dei morti”) è celebrato per diversi giorni, dal 31 ottobre al 2 novembre, ed è stato dichiarato dall’Unesco nel 2008 come patrimonio culturale immateriale dell’umanità.

Il Día de los Muertos è celebrato sotto forma di parata durante la quale i messicani si travestono da “calacas” : scheletri colorati che danzano in balli folkloristici.

Per ricordare i cari defunti e celebrare la vita, si organizzano anche feste in famiglia, altari con offerte di cibo, regali a forma di teschi, il tutto accompagnato da musica e tequila a volontà.

Stati Uniti : trick or treat ?

Restando nel continente Americano, voliamo ora negli Stati Uniti dove Halloween si può riassumere in una formula conosciuta in tutto il mondo : Trick or treat? (“Dolcetto o Scherzetto?”)

Lo abbiamo visto in tanti film o serie tv, la sera del 31 ottobre i bambini si travestono da fantasmi o da zoombi e girano per le case della loro città andando a bussare ai vicini e chiedendo caramelle e dolcetti.

Le case vengono addobbate a tema, e grandi e piccini si divertono a travestirsi, ad organizzare giochi e cacce al tesoro, a cucinare mele caramellate e a preparare zucche scolpite ed illuminate.

Molto conosciuta è la parata di Halloween che si tiene ogni anno nel Greenwich Village, a New York, dove migliaia di persone (travestite da fantasmi, zombie o streghe) ballano e cantano insieme.

Italia : tra tradizioni regionali e gastronomia

Ed in Italia, come lo festeggiamo Halloween?

Se quest’anno tutti i tuoi piani di viaggio sono saltati, puoi ancora scoprire le tradizioni italiane che variano di regione in regione.

Infatti, anche se molti la vedono ancora come una festa lontana e « straniera », in realtà si organizzano ormai tanti eventi per celebrare Halloween.

Oltre alla più religiosa Festa dei morti che si celebra il 2 novembre, la celebrazione pagana prevede simboli e usanze tipiche dello spirito di Halloween.

Per esempio in Sicilia si festeggia la Fiera dei Morti dove i bambini ricevono dei doni durante la mattinata del 2 Novembre e si commemorano i defunti che tornano a fare visita ai propri cari in vita proprio durante questo periodo.

In Calabria, in particolare a Serra S. Bruno (Vibo Valentia), i ragazzini intagliano la zucca per riprodurre un coccalu di muortu, cioè un teschio. Si aggirano poi per le strade chiedendo “Mi lu pagati lu coccalu?” (“Me lo pagate il teschio?”), che ricorda molto quel trick or treat? della tradizione americana.

In Val d’Aosta e in Piemonte è rimasta radicata un’antica tradizione che prevede che per la cena del 31 ottobre si deve apparecchiare la tavola con dei piatti in più, in modo da celebrare i parenti defunti. Durante la giornata, si usa andare al cimitero, recitare il rosario riuniti con le proprie famiglie e poi cenare insieme mangiando castagne.

Ed è proprio a tavola che gli Italiani si divertono a festeggiare Halloween nel migliore dei modi. Grandi e piccini preparano insieme tanti dolci tipici della festa come : ciambelle alla zucca, biscotti di Halloween, il castagnaccio, il « pan dei morti » o le « fave dei morti ».

E tu, dove festeggerai Halloween ?

Raccontaci nei commenti il viaggio più bello che hai fatto in occasione della festa di Halloween!

0 commento

lascia un commento