1. Principale
  2. Le mie vacanze
  3. Ispirazioni viaggi
Il blog di viaggio di Chapka

Scoprire i dintorni di Tokyo: 5 destinazioni da non perdere

Vuoi trascorrere una giornata lontano dal trambusto di Tokyo e partire alla scoperta di nuove meraviglie? C’è solo l’imbarazzo della scelta! I dintorni della capitale sono ricchi di luoghi affascinanti e di indubbia bellezza per concedersi delle giornate fuori porta.


Yokohama


La vicina cosmopolita della capitale

Un tempo modesto borgo di pescatori, Yokohama è oggi diventata la seconda città dell’arcipelago con oltre 3,6 milioni di abitanti. La riapertura dei porti giapponesi nel 1853, che pose fine al lungo periodo di chiusura del paese alle influenze straniere, ha dato inizio a un’espansione folgorante della città. Situata nelle vicinanze della capitale, Yokohama è diventata un centro internazionale grazie all’arrivo di numerosi commercianti stranieri.

L’ambiente cosmopolita dei luoghi è ancora ben visibile. Basterà varcare una delle porte di Yokohama Chukagai, la più grande Chinatown asiatica, per essere catapultati nel Regno di Mezzo da colori e sapori!

Poco più lontano, il quartiere Yamate si distingue per l’impronta lasciata dai mercanti occidentali. Su questa collina si stagliano diverse imponenti residenze in stile coloniale.

Ma a Yokohama si respira anche la tradizione giapponese, con il superbo giardino Sankei-en e il suo stagno di fiori di loto, o ancora l’architettura ultra moderna, in particolare nel quartiere degli affari Minato Mirai 21, simbolo della fiorente economia.

Come arrivare: 30 minuti da Tokyo dalla stazione di Shinjuku fino alla stazione di Yokohama (linea JR Shonan-Shinjuku)
Prezzo: 550 yen Ma a Yokohama


Kamakura


La città del Grande Buddha

Una tappa imperdibile per i visitatori alla ricerca delle tradizioni giapponesi! Dal 1192 al 1333, Kamakura è in pieno sviluppo e diventa la capitale del paese. Questo periodo segna anche l’arrivo del Buddhismo Zen in Giappone. I templi fioriscono in tutta la città. Tra questi, il Kôtoku-in ospita l’emblema dell’influenza zen: l’imponente Buddha di bronzo, una statua di 121 tonnellate alta 11,3 metri che costituisce il principale punto di interesse della città.

Lungo il percorso, potrai ammirare luoghi straordinari come il santuario Zeniarai Benzaiten, dove la leggenda invita a lavare i propri soldi in una cascata per moltiplicarli, o ancora il tempio Hase-Dera con i suoi incantevoli giardini e le innumerevoli statue.

Altra reminiscenza di un passato glorioso, il santuario Tsurugaoka Hachiman-gû è la testimonianza del grande potere del clan Minamoto che aveva scelto di insediare il primo governo samurai del Giappone a Kamakura.

Situata lungo le coste della prefettura di Kanagawa, Kamakura è anche una località balneare apprezzata dagli abitanti di Tokyo. Durante il weekend, famiglie, amici e surfisti si ritrovano sulle sue belle spiagge, da cui è possibile ammirare, quando il cielo è terso, il più famoso monte del Giappone: il Monte Fuji.

L’escursione a Kamakura può essere combinata con la visita dell’isola di Enoshima. L’isola attira i visitatori per i prodotti ittici, il tempio, la vista eccezionale sulla baia di Sagami e molte altre meraviglie.

Come arrivare: 1 ora da Tokyo dalla stazione di Shinjuku fino alla stazione di Kamakura (linea JR Shonan-Shinjuku)
Prezzo: 920 yen


Hakone


Sorgenti termali e crociere

Un vasto lago, un torii rosso e il Fujisan che gioca a nascondino con le montagne circostanti: è questa l’immagine che la maggior parte dei giapponesi ha di Hakone. Hakone attira da secoli numerosi visitatori, locali e stranieri, per la sua vicinanza al Monte Fuji e l’abbondanza di sorgenti naturali di acqua calda (onsen).

Tappa imperdibile sulla rotta feudale che collega Tokyo e Kyoto, Hakone è caratterizzata dai ryokan, locande tradizionali giapponesi dal fascino ineguagliabile.

Per godere appieno di questa cornice idillica nel cuore del Parco Nazionale di Fuji-Hakone-Izu, una crociera sul lago Ashi è d’obbligo. Una nave pirata ti porterà fino al centro dell’Ashinoko, da dove potrai immortalare il portico vermiglione del santuario Hakone-Jinja con il Monte Fuji sullo sfondo.

Non lontano da qui, la valle di Ôwakudani, da cui emanano continuamente nubi di vapore sulfureo, offre una toccante immagine della potenza devastatrice della natura. Le uova nere, cotte nelle acque delle sorgenti calde, e le ripetute esplosioni freatiche hanno trasformato il luogo in una celebre attrazione turistica. Altro punto forte della città è la notevole presenza di musei che soddisferanno tutti gli appassionati di arte.

Come arrivare: 1 ora e mezza da Tokyo dalla stazione di Shinjuku fino alla stazione di Hakone Yutmoto (linea Odakyu), con cambio alla stazione di Odawara (linea Hakonetozan).
Prezzo: 1.190 yen


Nikkô


Natura e architettura

Se Nikkô ha saputo sedurre tanti visitatori, è innanzitutto grazie allo straordinario paesaggio naturale. Abbarbicato sulle pendici di grandiose montagne, questo luogo sacro è un vero e proprio gioiello naturale bagnato da fiumi, laghi, stagni e cascate. In autunno, le sfumature dorate del fogliame delle foreste circostanti illuminano le Cascate Kegon, che comprendono tre delle più alte cascate del Giappone, e le sponde del Lago Chûzenji.

L’architettura complessa e colorata di numerosi templi e santuari è un’altra delle caratteristiche della città di Nikkô (molti di essi sono iscritti al Patrimonio Mondiale dell’UNESCO).

Da non perdere: il santuario Tôshô-gû, che ospita, tra le altre cose, il mausoleo di uno dei tre unificatori del Giappone, Tokugawa Ieyasu, le tre scimmie della saggezza e la famosa porta Yomeimon dalla pregiata lavorazione.

Nel tragitto non perderti il ponte sacro Shinkyô, altro luogo emblematico della città. La sua architettura perfetta, interamente dipinta di rosso, contrasta con la natura selvaggia che lo circonda.

Come arrivare: 2 ore da Tokyo dalla stazione di Shinjuku fino alla stazione di Nikko (linea Nikko Kinugawa), con cambio alla stazione di Shimo Imaichi (linea Tobu Nikko).
Prezzo: 4.000 yen


La regione dei cinque laghi


Prospettive sul Monte Fuji

Con i suoi 3776 metri di altitudine, il Monte Fuji è IL simbolo del Giappone. Secondo molti turisti, è impensabile lasciare il Giappone senza aver prima scoperto questa montagna iscritta al Patrimonio Mondiale dell’UNESCO. Scalarlo rimane un’esperienza unica, ma riservata alle persone con una preparazione fisica adeguata.

Fortunatamente, la regione dei cinque laghi, o Fujigoko, permette di apprezzare da tutte le prospettive la bellezza di questo cono vulcanico perfetto.

Situata nella prefettura di Yamanashi, è costituita dai laghi Sai, Kawaguchi, Motosu, Yamanaka e Shoji. Ogni lago offre una vista unica sul Monte Fuji, dall’effetto a “specchio rovesciato” del Kawaguchiko al celebre paesaggio raffigurato sul retro delle banconote da 1000¥ del Motosuko.

La regione si percorre in autobus, in auto, a piedi (grazie ai numerosi percorsi escursionistici) o in bicicletta. Alcune di queste immense distese naturali possono anche essere visitate in crociera.

Questa destinazione è particolarmente apprezzata in inverno, quando la cima del monte è innevata e il cielo totalmente sgombro da nuvole.

Come arrivare: 2 ore da Tokyo in autobus dalla stazione di Shinjuku fino alla stazione di Kawaguchiko (linee Keio o Fujikyu).
Prezzo: 1750 yen

0 commento

lascia un commento